Ho 40 anni, posso sottopormi ai trattamenti di PMA?

L’età di 40 anni non è un limite per la cura dell’infertilità. A norma di legge l’età massima delle donne che possono ricorrere ai trattamenti di PMA è di 49 anni.

Ho più di 40 anni e voglio un figlio. Posso avere un figlio proprio?

A causa di un’alta presenza di anomalie cromosomiche nei bambini non viene più suggerita alle donne di 40 anni e più la cura dell’infertilità con i propri gameti (ovociti). Alle donne dell’età di 40 anni e più è possibile offrire il trattamento di ovodonazione.

Ho più di 40 anni e ho il ciclo irregolare, posso sottopormi ai trattamenti di PMA?

Il ciclo irregolare può essere aggiustato tramite la cura ormonale con i preparati estroprogestinici combinati. Di solito il ciclo viene aggiustato nel corso di tre mesi, di seguito è possibile iniziare la preparazione per il trattamento di PMA.

Il medico mi ha riscontrato l’utero miomatoso, posso rimanere incinta?

I miomi uterini si presentano già nelle donne di 30 anni. Prima del pianificare una gravidanza si sottoponga a esame specialistico. Il medico valuterà dimensioni e posizione del mioma. Sulla base del risultato Le può essere indicata l’asportazione chirurgica del mioma. Di solito i piccoli miomi (dimensioni fino a 3cm) non vengono curati prima dell’inizio della gravidanza. I miomi uterini possono durante la gravidanza ingrandirsi però non mettono a rischio il feto stesso. Le donne sono spesso seguite presso gli ambulatori di gravidanze a rischio e di gravidanze patologiche.

Mi sono sottoposta alla cura del cancro della cervice uterina tramite la conizzazione, posso rimanere incinta?

Se la cura del cancro è stata già terminata definitivamente e i controlli citologici risultano negativi, può iniziare a pianificare la gravidanza. Nelle donne che si sono sottoposte alla conizzazione della cervice uterina può leggermente aumentare, in dipendenza dell’ampiezza dell’intervento, il rischio di parto pretermine.

Il mio partner ha il dubbio se davvero l’ovocita sia fertilizzato con lo spermatozoo migliore. Cosa si può fare?

Utilizzando la tecnica ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo nell’ovocita) scegliamo sempre sotto il microscopio lo spermatozoo morfologicamente migliore, le cui singole parti (testa, collo e flagello) risultino normali. Viene scelto solo lo spermatozoo morfologicamente normale oppure gli spermatozoi con minime deviazioni dalla norma. Con la tecnica ICSI viene analizzata anche la motilità degli spermatozoi.

Il mio partner è più vecchio di me, io stessa ho già un figlio. Lo spermiogramma del mio partner è al di sotto del limite di normospermia però secondo i medici lo spermiogramma di lui non è la causa principale del nostro problema con il concepimento. Quali metodi consigliate?

I problemi con il concepimento possono variare. Se lo spermiogramma risulta relativamente nella norma, raccomandiamo di scegliere la tecnica PICSI. Il metodo rende possibile selezionare non solo gli spermatozoi morfologicamente normali ma soprattutto quelli maturi che hanno significativamente minori probabilità di danneggiamento cromosomico. Potete anche esperire ulteriori approfondimenti. Oggi esiste una vasta gamma di esami genetici, che vi possono fornire maggiori informazioni. Di sicuro il medico specialista li verificherà dettagliatamente con voi.

Ho paura della gravidanza plurima. È possibile trasferire solo un embrione, anche se ho 38 anni? Come viene scelto l’embrione migliore?

Ovviamente, se teme la gravidanza plurima la soluzione per Lei è trasferire un embrione. Per una selezione più efficace Le consigliamo il metodo più recente, il monitoraggio degli embrioni, durante il quale osserviamo tramite sistema di telecamere lo sviluppo degli embrioni. L’EmbryoScope ci consente di individuare qualsiasi imperfezione o anomalia durante la divisione delle cellule. L’embrione rimane per tutto il periodo nell’incubatrice, il che significa che non interveniamo nell’ambiente in cui l’embrione viene coltivato. L’embrione cosí selezionato ha maggiori probabilità di impianto e di una gravidanza di successo.

Ho alle spalle più tentativi falliti di PMA. Quali metodi possono aumentare le mie chances di ottenere una gravidanza?

È possibile utilizzare la tecnica PICSI assieme al monitoraggio degli embrioni. La tecnica PICSI rende possibile selezionare non solo gli spermatozoi di buona qualità ma soprattutto quelli che sono in grado di fertilizzare tramite la tecnica ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo nell’ovocita) l’ovocita maturo e di buona qualità. Il metodo aumenta le percentuali di successo degli ovociti fertilizzati. Un maggior numero di ovociti dà la possibilità di ottenere un maggior numero di embrioni e quindi aumentare la probabilità di trasferire embrioni di ottima qualità.

Gli ovociti così fertilizzati sono messi in uno speciale contenitore di coltura nel quale sono continuamente monitorati durante tutta la coltura fino allo stadio di blastocisti tramite un sistema di telecamere – monitoraggio degli embrioni. L’embriologo ha continuamente a disposizione sullo schermo dell’incubatrice l’immagine degli embrioni coltivati ed è in grado di scoprire immediatamente anche la più piccola deviazione nello sviluppo embrionale. Il metodo di monitoraggio è molto adatto per le coppie che vogliono avere certezza che gli embrioni utilizzati per il transfer siano quelli migliori.