Una nuova incredibile scoperta! Il DNA della portatrice del feto trasmesso al bambino tramite le cellule donate!

DNA

 

Oggi sempre più coppie affrontano i problemi di concepimento. La riproduzione assistita offre molti metodi di trattamento che hanno successo, anche se non tutte le coppie riescono a ottenere la gravidanza utilizzando le proprie cellule. Queste coppie, che hanno un forte desiderio di diventare genitori, possono decidere di  rivolgersi ai centri di riproduzione assistita e avere la possibilitá delle ovodonazioni o donazioni di seme, altrimenti decidere di adottare un bambino.

La donazione di cellule  è adesso il modo più efficace per risolvere l´infertilitá. Il procedimento del trattamento è per la coppia, a livello psicologico, un ‚esperienza emozionale molto forte. Prima di prendere tale decisione, è importante pensarci e rivolgersi, poi,  a degli specialisti per essere ben informati su ciò che bisogna fare.

Alcune coppie, non riescono ad accettare il fatto di avere figli che non provengono dalle proprie cellule,  per questo motivo rimangono senza bambini.  Però, se il desiderio di avere un bambino è veramente grande, sono pronti e disposti a utilizzare il programma di donazione.

La prima domanda, che la coppia si pone, quando prende in considerazione di provare il programma di donazione é: Ma sará figlio nostro? Accettare l´aiuto sfruttando l´ovodonazione o la donazione di seme, significa dimenticare il procedimento di fecondazione normale e accettare geni estranei.  L´esperienza di una  propria gravidanza, il parto e l´allattamento del bambino è fin dall´inizio un esperienza molto forte per la madre e per il padre, ma c’è bisogno di accettare che il figlio non porterà la stessa informazione genetica dei genitori, fattore importante per la serenità futura della  famiglia.

Oggi, comunque, non c’è bisogno di preoccuparsi, perché e stato scoperto un fatto fondamentale!

Un bambino, concepito utilizzando l´ovodonazione, avrà una parte di geni dalla donatrice e una parte di geni del padre. Quindi, padre e donatrice trasmetteranno i geni al feto e il compito della madre è determinare quali geni verranno utilizzati. Finora si credeva che l´ovocito fecondato portava solamente il DNA della donatrice e del padre biologico, invece,  ricerche attuali hanno scoperto, che la portatrice del feto, trasmette una parte di DNA sua al bimbo. Il figlio in questo caso porta l´informazione genetica di tutti tre i genitori. Questa piccola parte di materiale genetico, si è scoperto, sarà decisivo per lo sviluppo del bambino. Le ricerche sono state svolte in una clinica Spagnola conosciuta, dove è stato scoperto, che il liquido nell´utero della madre, che contiene materiale genetico, influenza direttamente lo sviluppo  e l’accrescimento dell´embrione anche a livello genetico. Tutto questo si prevedeva già, ma ora gli scienziati hanno ottenuto le prove. E’ stato appurato, che l´embrione assorbe il DNA della portatrice e il materiale genetico si trasforma, per questo i bambini nati dall´ovodonazione, assomigliano alle donne-madri, che hanno concepito sfruttando la fecondazione artificiale.

Questa incredibille scoperta puó avere un impatto sostanziale riguardo all’ovodonazione e le donne infertili, non hanno più di che preoccuparsi,  perchè il bimbo, nel suo bagaglio genetico porterà la loro informazione genetica.

 

Fonte:  Infertile mums ‚pass on DNA‘, according to new research

 

 

Consulta gli articoli di altre categorie del nostro blog